Chiesa di San Vito e Sant’Anna da Ponte Scalvino

Come arrivarci

Alla partenza

Prendiamo la SS 42 in direzione di Vezza d’Oglio; imbocchiamo via Stella da via Nazionale (sulla destra per chi viene da Edolo) seguendo le indicazioni per Val Paghera-rifugio Aviolo. Superato il ponte Stella proseguiamo dritto e in leggera salita oltrepassiamo la piccola chiesetta gialla dedicata a Sant’Anna, che porta lo stesso nome della nostra destinazione. Dopo alcuni tornanti attraversiamo il Ponte Scalvino e parcheggiamo nello slargo a destra. Il parcheggio può accogliere al massimo tre o quattro auto, ma poche centinaia di metri più avanti troviamo un altro slargo per altrettanti veicoli. L’imbocco del sentiero è poco avanti sulla destra rispetto al primo parcheggio, subito indietro per il secondo.

Il sentiero

Imbocchiamo la sterrata che si inoltra nel bosco e dopo pochi minuti notiamo una baita da cui si ha una bella vista sull’altro versante della valle. Proseguiamo in leggera salita e il sentiero si fa più stretto, anche a causa della presenza di alcune rocce su di esso. Dopo circa una mezz’ora di cammino arriviamo a una casa costruita in una radura e da qui imbocchiamo la sterrata che procede oltre.
Arrivati a un bivio, continuiamo dritti, superando dei tronchi in mezzo al sentiero. Raggiungiamo così una baita a quota 1630 m.s.l.m., in località Plaza.
Proseguiamo in salita, ci addentriamo nel bosco e sbuchiamo su una gippabile su cui ci immettiamo, seguendo le indicazioni CAI. Dopo poco arriviamo a un’altra radura con una bella baita sulla destra. Salendo ancora arriviamo, in circa 2 ore dalla partenza, a Iclo, località da cui si gode di un magnifico panorama. Camminando per un’altra decina di minuti, quasi in piano, arriviamo alla chiesetta dedicata ai santi Vito e Anna.

Fauna e curiosità

Nell’ultima parte dell’itinerario è possibile, soprattutto nei mesi invernali, avvistare volpi e ungulati. I rapaci sono tutt’altro che rari.

Nei prati circostanti la chiesa ci sono molti tavolini da pic-nic e alcuni barbecue.

La chiesetta è stata restaurata nel 2016.

Dal momento che in certi tratti dell’escursione il sentiero non è perfettamente segnato o può essere ambiguo quale direzione prendere, consiglio di seguire sempre le indicazioni bianche e rosse del CAI sugli alberi o sulle pietre: l’unico sentiero segnato è il 72 che porta alla chiesa.

Dati salienti

  • Località: territorio comunale di Incudine
  • Quota: 1860 m.s.l.m.
  • Dislivello: 573m
    • Dislivello positivo: +650 m
  • Tempo di percorrenza: 2:15 h
  • Segnaletica: segnavia CAI 72
  • Difficoltà: 4
  • Panorami e paesaggi: 5
  • Escursionisti che soffrono di vertigini: adatto
  • Condizione e ampiezza sentiero: buone
SVITO-SANNA
Segnavia alla partenza
SVITO-SANNA7
Vista poco dopo essere partiti
SVITO-SANNA2
La seconda baita dell’itinerario
SVITO-SANNA9
Baita in località Plaza (m 1630 s.l.m.)
SVITO-SANNA8
Un tratto del sentiero innevato
SVITO-SANNA10
Vista da Iclo
SVITO-SANNA3
Una volpe ha appena attraversato il sentiero in località Iclo
SVITO-SANNA6
Vista su Monno dalla chiesa

LA MAPPA 3D DELL’ESCURSIONE

SVITOSANNA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...