Laghetti di Albiolo da Case di Viso

ALBIOLO1
Il secondo laghetto

Come arrivarci

Alla partenza

Prendiamo la SS 42 in direzione di Ponte di Legno. Superato il paese, dopo il primo tornante per il Passo del Tonale, svoltiamo a sinistra, imboccando la SP 29, fino ad arrivare a Pezzo. All’uscita a nord della frazione, prendiamo via Viso, una stretta strada a doppio senso di marcia che ci condurrà fino al parcheggio di Case di Viso.

Il sentiero

Lasciamo l’auto a Case di Viso e ci incamminiamo per una sterrata con la quale, dopo molti tornanti, arriviamo ad un’area pic-nic con relativo parcheggio (Pra del Rum, m.1877 s.l.m.). Volendo si può arrivare in macchina fino a qui, risparmiando una mezz’ora di tempo. Nel pianoro del parcheggio, prendiamo la strada di destra, ignorando una sterrata a sinistra che porta ai laghi di Ercavallo. Il precorso inizia in salita e alla nostra destra abbiamo il panorama su Case di Viso. Proseguiamo tra rododendri e più in basso notiamo il lago di Viso; dopo un po’ raggiungiamo una vecchia malga (Baita Casaiole, m.2102 s.l.m.), ormai disabitata. Adesso c’è un tratto in piano, ma subito riprende la salita. Con alcuni tornanti sulla sterrata gippabile arriviamo a un pianoro da cui, in alto a sinistra, vediamo la bandiera italiana che svetta dal rifugio. Continuiamo in salita per una decina di minuti raggiungendo così il rifugio Bozzi. Poco sotto alla struttura c’è il bel lago alto del Montozzo.
Senza raggiungere il rifugio, proseguiamo sulla nostra sterrata che in venti minuti porta alla Forcellina del Montozzo (m. 2613 s.l.m.). Una volta arrivati alla forcellina, prendiamo un piccolo sentierino non segnalato, sulla destra, da non confondersi col sentiero degli alpini. Dal nostro sentiero abbiamo una splendida vista sulla Val di Peio e sul laghetto più basso dei tre, che non raggiungiamo. Proseguendo nella pietraia, in mezz’ora arriviamo al primo laghetto (m. 2705 s.l.m.), che è il più grande e presenta una forma insolita. Continuando sullo stretto sentiero, giungiamo al secondo laghetto in una decina di minuti.

Il rifugio

Il rifugio Bozzi è gestito dal CAI di Brescia e dispone di un locale invernale.
Di recente (estate 2020) ha cambiato gestione.

Fauna e curiosità

Il rifugio prende il nome da Angelino Bozzi, allievo ufficiale alpino abruzzese tra i primi a cadere nella battaglia del Montozzo della Prima Guerra Mondiale: infatti il rifugio durante il conflitto fu utilizzato come caposaldo dal Battaglione alpini “Edolo” e “Val d’Intelvi”. Nella conca sottostante sono presenti resti di trincee e costruzioni in pietra.

Il percorso fino al rifugio è prevalentemente brullo ed è frequentato da molte persone: a causa di questi due fattori la presenza della fauna è molto scarsa, a eccezione dei rapaci. Invece, giusnti al rifugio si può avere la fortuna di avvistare un ermellino nascosto tra le costruzioni della Guerra.
Successivamente, fino ai laghetti, è possibile avvistare stambecchi in piccoli gruppi.

Non è raro incontrare neve verso la fine del percorso fino a giugno inoltrato: consiglio di effettuare l’escursione nei mesi di luglio, agosto e settembre.

Dati salienti

  • Località: territorio comunale di Peio, TN
  • Quota: 2745 m.s.l.m.
  • Partecipa a “Girarifugi Lombardia” (rifugio Bozzi): SI
  • Dislivello da Case di Viso: ca. 1000m
    • Dislivello positivo: +1090 m
  • Dislivello da Pra del Rum: 870m
    • Dislivello positivo: +960 m
  • Tempo di percorrenza da Case di Viso: 3:15 h
    Tempo di percorrenza da Pra del Rum: 2:45 h
  • Segnaletica: segnavia CAI 52 fino alla forcellina, assente poi
  • Difficoltà: 7
  • Panorami e paesaggi: 5
  • Escursionisti che soffrono di vertigini: adatto fino alla forcellina, dopo un po’ esposto
  • Condizione e ampiezza sentiero: ottime fino alla forcellina, discrete in seguito
BOZZI11
Case di Viso
BOZZI7
Resti della Prima Guerra Mondiale al rifugio
BOZZI2
Il rifugio Bozzi e il Laghetto del Montozzo
ALBIOLO4
Trincee alla Forcellina del Montozzo
ALBIOLO2
l’ultimo dei laghetti
ALBIOLO3
Panorama sulla Val di Peio

LA MAPPA IN 3D DELL’ESCURSIONE

ALBIOLO

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...