Anello del Monte Faeto

Come arrivarci

Alla partenza

Da Malonno
Prendiamo la SS 42 in direzione di Malonno, entriamo in paese e, percorrendo le strette stradine del centro, seguendo le indicazioni per Loritto, arriviamo alla frazione. Proseguiamo fino a un piccolo slargo con 2 posti auto, poco prima di un’area pic-nic, dove lasciamo la macchina.
Se non ci sono posti nello slargo, possiamo continuare in auto fino all’area pic-nic poco avanti, per poi tornare sui nostri passi una volta parcheggiato.

Da Edolo
Arrivati a Edolo, prendiamo via Gennaro Sora e proseguiamo in salita, con vari tornanti all’interno del bosco, fino ad arrivare a un’area pic-nic, dove possiamo parcheggiare. In alternativa possiamo andare avanti per circa 200 metri e lasciare l’auto in un piccolo slargo da 2 posti.

Il sentiero

Raggiunta la stradetta a fondo di cemento, iniziamo la nostra escursione: in leggera salita entriamo nel bosco e in pochi minuti dalla partenza arriviamo a un piccolo agglomerato di baite, da cui abbiamo una bella vista sulla Val Gallinera, sulla Val Malga e, in generale, sui monti di Sonico. In circa un quarto d’ora arriviamo a un bivio dove possiamo indifferentemente andare sia verso l’alto, accorciando la strada ma facendo più fatica, sia verso il basso, allungando la strada, ma stancandoci di meno. Scegliendo la strada bassa e attraversiamo un’ampia radura, Pra del Bis, con dei tavolini da pic-nic. La salita inizia a farsi più impegnativa e, seguendo le indicazioni “Edolo Trekking”, continuiamo la nostra escursione.
Superata una cavernetta risalente alla Grande Guerra, sul tronco di un albero vediamo un cartello con la scritta “TRINCEE”. Abbandoniamo la ciclo-pedonale del monte Faeto per rimanere sulla destra e, ignorando l’ampia mulattiera verso cui indica il cartello, ci addentriamo tra le latifoglie e le più scarse conifere. Seguendo lo stretto sentiero, abbiamo a sinistra il bosco e sulla destra, ogni tanto, riusciamo a scorgere degli abitati e i monti dell’altro versante della valle. Il sentiero su cui ci troviamo, attorniato da massi e muschio, è un camminamento ottenuto artificialmente con delle pietre, ai tempi della Prima Guerra Mondiale.
Arrivati alla seconda cavernetta, scavata alla fine di uno stretto tunnel fra delle rocce, invertiamo il cammino, tornando per qualche metro sui nostri passi, per poi imboccare un sentiero che si stacca in alto sulla nostra destra, il quale ci porterà alla cima del monte. Proseguiamo e giungiamo a un’area pianeggiante dove sono presenti delle trincee scavate nella roccia, ma anche erette con dei muretti a secco. Andando sempre avanti, raggiungiamo la cima del monte Faeto, dove sono presenti due postazioni per cannone.
Tornati sui nostri passi, iniziamo la discesa lungo una mulattiera tra gli alberi. Dopo  circa un’ora da quando abbiamo lasciato la ciclo-pedonale, ritorniamo su di essa e la percorriamo nuovamente, in discesa.

Tutto il percorso al di fuori della ciclo-pedonale del monte Faeto è segnalato da cartelli con la scritta “PERCORSO”, quindi anche se sono assenti segnavia di qualunque tipo, è difficile perdersi.

Fauna e curiosità

Lungo il percorso è raro avvistare animali, eccezion fatta per i rapaci, presenti in tutta la valle.

L’itinerario descritto si snoda tra vari manufatti della Grande Guerra, come trincee, cavernette e postazioni per cannoni. Anche se non sono conservate in ottime condizioni, danno un’idea di quelle che erano le fortificazioni italiane sul monte Faeto.

Dati salienti

  • Località: territori comunali di Edolo e di Malonno
  • Quota: 1415 m.s.l.m.
  • Dislivello: 255m
    • Dislivello positivo: +300 m
  • Tempo di percorrenza: 1:30 h
  • Segnaletica: segnavia CAI 95 A e indicazioni
  • Difficoltà: 3
  • Panorami e paesaggi: 4
  • Escursionisti che soffrono di vertigini: adatto
  • Condizione e ampiezza sentiero: buone
FAET3
Paesaggio a Pra del Bis
FAET1
Vista su Edolo
FAET2
Panorama all’inizio del percorso
FAET5
I monti a nord di Corteno Golgi
FAET4
Fortificazioni in cima al Monte Faeto
FAET_6
La prima cavernetta (dove si abbandona la ciclo-pedonale)
FAET_3
Una trincea
FAET_1
Un’altra trincea
FAET_2
Resti di fortificazioni
FAET_0
Una postazione per cannone

LA MAPPA IN 3D DELL’ESCURSIONE

faet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...