Baite di Casola e Capanna Valbione da Ponte di Legno

Come arrivarci

Alla partenza

Prendiamo la SS 42 in direzione di Ponte di Legno e, se veniamo da sud, imbocchiamo la terza uscita, giriamo a sinistra e parcheggiamo nei pressi della piscina comunale.

Il sentiero

Ci incamminiamo davanti a noi, verso la statale, passiamo sotto alla carreggiata e arriviamo così sulla pista ciclabile. Proseguiamo su questa fino a incontrare l’arrivo del trampolino gigante: pochi metri dopo, sulla destra, prendiamo il sentierino che sale nel bosco, segnalato da un segnavia.
Il paesaggio cambia radicalmente: siamo subito immersi nel verde. Arrivati in una zona leggermente più ampia, con il trampolino alle nostre spalle, proseguiamo fino a incontrare una panchina e, poco più avanti, un bivio. Noi andiamo a destra e attraversiamo il percorso del trampolino, per poi tornare nel bosco.
La salita si fa un po’ più impegnativa e, ogni tanto, troviamo dei gradoni realizzati con dei tronchi, per agevolare il cammino.
Finito questo tratto di salita, il sentiero scende leggermente e, dopo qualche decina di metri, diventa più largo e pianeggiante. Procediamo quindi sempre nel bosco, dove troviamo due pannelli con delle indicazioni relative alla fauna del luogo e, in pochi minuti, sbuchiamo sulla radura delle piste da sci, da cui si ha un bel panorama su Ponte di Legno.
Torniamo nuovamente tra gli alberi, raggiungiamo un’area pic-nic attrezzata e subito dopo arriviamo a Valbione, dove si trova un campo da golf, un rifugio/ristoro e una stazione intermedia della cabinovia che sale al Petitpierre. Aggiriamo dal basso il rifugio, lungo una comoda sterrata e torniamo a camminare nel bosco di conifere.
A un tornante vediamo dei resti di manufatti della Prima Guerra Mondiale, non ben conservati e, dopo circa due ore dalla partenza, percorsi sei tornanti, usciamo dal bosco.
Volendo raggiungere il rifugio “La Maralsina”, possiamo continuare a salire sulla sinistra, per pochi minuti; alternativamente scendiamo, percorrendo quelle che in inverno sono piste da sci, e ci fermiamo nei prati nella zona delle Baite di Casola, da cui, ancora una volta, si gode di un panorma spettacolare!

Fauna e curiosità

Lungo l’itinerario descritto non è facile incontrare animali selvatici: nella parte iniziale, a causa della relativa vicinanza al centro abitato di Ponte e alla strada statale, mentre da Valbione in poi, perchè è una zona altamente frequentata.
Detto ciò, negli spazi aperti, è comunque possibile avvistare dei rapaci, come in tutta l’Alta Valle.

Dati salienti

  • Località: territorio comunale di Ponte di Legno
  • Quota massima: 1780 m.s.l.m.
  • Dislivello: 510m
    • Dislivello positivo: +620m
  • Tempo di percorrenza: 2:15 h
  • Segnaletica: seguire indicazioni
  • Difficoltà: 6
  • Panorami e paesaggi: 5
  • Escursionisti che soffrono di vertigini: adatto
  • Condizione e ampiezza sentiero: buone
Il panorama su Ponte di Legno, da Valbione
Resti di un manufatto del primo conflitto mondiale
Il rifugio Maralsina
Una baita a Casola














































































LA MAPPA IN 3D DELL’ESCURSIONE

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...